Cavolo nero, patate e pecorino fresco



Cavolo nero, patate e pecorino fresco
Finché si trova, continuo a cucinare il cavolo nero. So che poi mi mancherà perché il suo gusto ricco dà un po’ di assuefazione. Fino a qualche anno fa lo usavo solo per preparare la ribollita, la tipica zuppa toscana a base di pane e verdure. Adesso  lo cucino spesso come verdura  di contorno, sebbene non abbia una fibra  leggera da digerire. Seguendo i consigli del produttore da cui lo acquisto
, lo preparo anche in pirofila al forno, con aggiunta di patate e formaggio. Le patate si sposano particolarmente bene con i vegetali in foglia da cuocere. Con il cavolo nero non ne parliamo. Per finire:  il pecorino fresco che si scioglie in cottura:  la ciliegina sulla torta.
Munitevi di fette di pane e buon appetito!

Ingredienti per 4-6 persone

300-400 gr. di cavolo nero: lavate le foglie di cavolo nero ed eliminate la costa centrale; tagliatele in pezzi grandi.
4 patate medie a pasta gialla: sbucciate le patate, tagliatele in tocchetti di 2 cm di lato (taglio "macédoine") e tenetele in acqua fredda per evitare che anneriscano.
2 scalogni,  sale, pepe, 4 cucchiai di olio d’oliva saporito: tritate lo scalogno e mettetelo a soffriggere con l’olio in una padella capiente; aggiungete il cavolo nero tagliato in pezzi e le patate a macedonia. Condite con sale e pepe e cuocete a fuoco basso e coperte, girando di tanto in tanto fino a cottura (ci vorranno circa 20 minuti).
1 cucchiaio d’olio, 3-4 fette di pecorino toscano fresco: oliate una pirofila da forno o 4-5 cocotte monoporzione; riempite con il pasticcio di cavolo nero e patate e cospargete la superficie di pezzi di pecorino.
Infornate mezz’ora prima di andare in tavola per 15 minuti a 200 °C e aspettate qualche minuto prima di servire. 
Qualche informazione in più:

Notizie su cibo, alimentazione e ricette nella la mia pagina facebook:

6 commenti

  1. In queste ultime settimane stiamo facendo indigestione di cavolo nero (fortuna che è verdura e non ci fa sicuramente male). Mi piace come lo hai preparato e presentato. Bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh già, meno male che esistono le verdure. Specie dopo le feste di Natale!
      Grazie, a presto Ilaria.

      Elimina
  2. Risposte
    1. È davvero un concentrato di sapore. Da provare. :-)

      Elimina
  3. Pensa, Giovanna, ho scoperto ed assaggiato (e apprezzato) il cavolo nero solo in questi giorni. L'ho utilizzato nella preparazione di una zuppa ma lo trovo ottimo anche semplicemente lessato e come contorno al pesce a vapore. Questa tua ricetta mi piace tantissimo. Ne farò tesoro. Grazie!
    Buona giornata!
    Un abbraccio
    MG

    RispondiElimina
  4. Grazie! Per fortuna si comincia a vedere in giro sui banchi di frutta e verdura un po' piú spesso. Però dalle parole dei rivenditori capisco che ancora è sconosciuto alla maggior parte delle persone, almeno qui a Roma.
    Un abbraccio, Maria Grazia :-)

    RispondiElimina

Commenti e consigli sono molto apprezzati!

© Gourmandia

This site uses cookies from Google to deliver its services - Click here for information.

Professional Blog Designs by pipdig