Strudel di fillo con mele e crema di semolino



La pasta fillo o phyllo (termine che in greco significa “sottile”) ha origine mediorientale, probabilmente turca. E’ costituita da un insieme di fogli sottilissimi, quasi impalpabili, di sfoglia fatta con acqua e farina. Una volta cotta, risulta croccante come una patatina fritta. Per questo è una pasta molto leggera,  e di conseguenza anche questo strudel rappresenta una versione alleggerita o estiva di quello tradizionale.

Un’altra differenza con il classico strudel è la presenza di crema al semolino; nell’impasto interno, costituito da mele, uvetta, noci e miele, ho aggiunto della crema pasticciera resa più soda da una piccola parte di semolino, cotto insieme ad essa. Questo perché la pasta fillo non ha grande consistenza e lo stesso dicasi per le mele cotte. Per cui ho ritenuto importante dare un po’ di struttura o solidità al tutto. Comunque, poiché mi piace che ogni ricetta possa rispettare i gusti individuali (trovo che questo sia l’aspetto più bello della cucina), suggerisco di usare più o meno semolino a seconda che si preferisca un dolce più o meno morbido/cremoso. Con la mia dose risulta decisamente compatto. Quindi regolatevi di conseguenza.
Ricapitolando: leggerezza, contrasto croccante/morbido, commistione di sapori tra cucina del Nord Italia e cucina mediorientale. Bello, no?


Dosi per una torta di 25 cm di diametro.

Per le mele

2 mele golden, 40 gr. di uvetta sultanina ammollata in acqua, 30 gr. di scorza di arancia candita, 40 gr. di gherigli di noci, 1 cucchiaio di zucchero, 1 cucchiaio di miele, il succo di mezzo limone: tagliare le mele a fettine e metterle in padella antiaderente con lo zucchero, il miele e il succo di limone; aggiungere gli altri ingredienti le noci tritate grossolanamente a coltello e tutti gli altri ingredienti. Cuocere per 10 minuti a fuoco medio. Le mele dovranno risultare morbide.

Per la crema pasticciera con semolino
(Per maggiori dettagli sulla crema pasticciera vedi anche:http://gourmandia-chef.blogspot.it/2012/10/crostata-di-frutta.html)
400 ml di latte, 50 gr. di zucchero, mezza stecca di vaniglia: mettere in un pentolino  gli ingredienti e portare a bollore.
3 tuorli, 40 gr. di zucchero, 20 gr. di farina, 20 gr. di fecola di mais, 70 gr. di semolino: unire lo zucchero e le farine ai tuorli; stemperare un po’ di latte bollente in questo  composto, poi unire tutto al latte e rimettere sul fuoco basso, girando continuamente. Dopo un paio di minuti, unire il semolino a pioggia, girando costantemente. Cuocere per 10 minuti, a fuoco basso e girando.

Composizione del dolce

Unire le mele alla crema con il semolino e miscelare bene il tutto.
Ricoprire la teglia con carta forno. Stendere all’interno della teglia uno strato di pasta fillo composto da 4-6 fogli uniti insieme, lasciando fuoriuscire 2-3 cm di pasta ai lati. Riempire la sfoglia con il composto di crema e mele. Ricoprire con un altro strato di pasta fillo (sempre costituito da 4-6 fogli). Far combaciare i bordi dello strato superiore e inferiore e chiuderli insieme, arrotolandoli e pressandoli, in modo che la torta sia ben chiusa.

Finitura
1 albume, 2 cucchiai di miele, zucchero a velo : spennellare il dolce con l’albume e cuocerlo in forno per 15 minuti (o finche la superficie sia completamente dorata e color biscotto)  a 180 °C.
Togliere dal forno e servire caldo, cosparso con miele e zucchero a velo.

 Se vi piace questa ricetta, ditelo sulla mia pagine facebook:
Grazie!!!

11 commenti

  1. Mi piace tantissimo questo tuo spunto, Giovanna. Da te trovo sempre indicazioni raffinate e ricche di gusto.
    Un abbraccio e buona settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È lo stesso per me. Diciamo che più giro solo tra blog e libri, più la fantasia e la voglia di creare aumenta. In questo caso galeotta è stata la vacanza in Grecia, dove si usa la pasta fillo, anche se in ricette diverse.
      A prestissimo!

      Elimina
  2. Non ho mai usato questo tipo di pasta, ma a vedere il risultato mi sembra eccezionale!!!

    RispondiElimina
  3. Ciao Giovanna, eccomi qua a contraccambiare la tua graditissima visita. E' un vero piacere conoscere te e scoprire il tuo blog.
    La pasta fillo è buonissima, così croccante che mette voglia di sgranocchiarla. Non l'ho mai provata in versione dolce, deve essere una bontà! E questo strudel lo trovo un'idea fantastica.
    A presto!

    RispondiElimina
  4. Grazie Ilaria,
    la fillo è buona in qualunque modo; difficile sbagliare, quindi.... per fortuna!

    RispondiElimina
  5. Ciao Giovanna grazie per la tua graditissima visita io conosco già il tuo bel blog! e non potevo che fermarmi su questo bel dolcetto che deve essere buonissimo!!
    A presto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te. Un piacevole scambio di ... dolcezze!

      Elimina
  6. una ricetta da provare di sicuro, non ho mai usato questa pasta, ma non è mai troppo tardi per iniziare, complimenti!!!

    RispondiElimina
  7. Credo che la caratteristica della pasta fillo sia la versatilità e la velocità di utilizza. Quindi può diventare un grande aiuto. Tra l' altro è buonissima fritta.
    A presto!

    RispondiElimina
  8. Ciao Cara..mamma mia adoro lo strudel e adoro il semolino!!! :-)

    RispondiElimina

Commenti e consigli sono molto apprezzati!

© Gourmandia

This site uses cookies from Google to deliver its services - Click here for information.

Professional Blog Designs by pipdig